fbpx
Come tinteggiare le facciate esterne per valorizzare la tua casa

Come tinteggiare le facciate esterne per valorizzare la tua casa

La tinteggiatura delle pareti esterne di una casa è importante non solo dal punto di vista estetico, ma anche protettivo. Il colore esterno è la pelle della casa, l’abito che indossa. Ecco come tinteggiare le facciate esterne per valorizzare la tua casa.

Perché è importante la tinteggiatura esterna di una casa?

Un’abitazione dagli esterni rovinati e non curati, trasmette un senso di abbandono. Tinteggiare le facciate esterne di una casa, quindi, risulta importante da un punto di vista estetico ma anche protettivo. È fondamentale utilizzare la pittura o il rivestimento esterno più adatti, affinché il risultato finale sia esteticamente gradevole e funzionale al buon mantenimento della struttura.

Criteri di valutazione per la scelta del colore giusto

Scegliere il colore giusto per la facciata di casa vuol dire:

  1. Valutare il paesaggio circostante per scegliere una tinta in accordo con i colori base del contesto, in modo da creare una certa armonia d’insieme.
  2. Verificare se il comune ha un Piano del Colore o un Regolamento Edilizio a cui fare riferimento nella scelta del colore in facciata.
  3. Scegliere il colore in base alla dimensione e all’esposizione dell’abitazione per valorizzare al meglio l’aspetto estetico della casa. In tale visione, per esempio, le tinte chiare sono perfette per aumentare la luminosità esterna di casa o per far sembrare più grande un’abitazione di piccole dimensioni.
  4. Valutare i bisogni architettonici dell’edificio, per valorizzare i prospetti andando a ottimizzare le peculiarità tipiche dell’edificio.

Sono diverse le soluzioni per rifinire le facciate esterne di un’abitazione. Le finiture per la facciata hanno diverse funzioni sia tecniche che estetiche. Le pitture murali Settef servono per curare le patologie della facciata, progettare e realizzare il colore più adatto.

Come tinteggiare le facciate esterne per valorizzare la tua casa

shutterstock_724505395 Di ronstik

Colori chiari o colori scuri per le facciate: come valorizzare una casa?

I colori chiari sono da preferire se si desidera dare luminosità o aumentare visivamente lo spazio esterno. I colori pastello, il beige in tutte le sue declinazioni (crema, sabbia, avorio), i bianchi cromatici e in generale le tinte neutre, risultano perfetti per le case di campagna e le villette. Donano un aspetto elegante e raffinato all’edificio. Possono essere accostati a colori più scuri, più vivaci e brillanti per la tinteggiatura di alcuni particolari del prospetto.

I colori scuri come giallo, rosso, bordeaux, verde o grigio vengono usati, invece, per dare un carattere deciso alla casa. Si accostano bene a dettagli in bianco (come colonnati, finestre e archi). Tonalità come il tortora, il grigio e il nero sono perfette in contesti più contemporanei. Tinte più calde come marrone, cioccolato, bronzo o giallo ocra donano alla casa una piacevole sensazione di calore e accoglienza.

Dalla sezione Finiture per la facciata è possibile scegliere le pitture Settef più adatte per tinteggiare le facciate di casa.

Come tinteggiare le facciate esterne per valorizzare la tua casa

shutterstock_453985072 Di Frank Oppermann

Tinteggiare le facciate esterne di una casa: identità dell’edificio e contesto urbano

Per procedere ad una tinteggiatura esterna ex novo o al risanamento dell’intonaco di un immobile, è necessario scegliere nel rispetto dell’identità dell’edificio e del contesto urbano. Prima di valutare il colore della facciata di casa, ci si deve rivolgere al proprio comune di residenza per sapere se l’abitazione rientra in alcune delle prescrizioni comunali o normative legate alla scelta cromatica delle pareti esterne o se è possibile scegliere in totale libertà. Nel primo caso sarà necessario consultare l’apposito Piano del Colore. Si tratta di un documento in cui sono presenti tutte le indicazioni circa l’utilizzo delle tonalità per la tinteggiatura delle pareti esterne di una casa.

Pillole di curiosità

  • Per non rischiare di sbagliare o pentirsi della scelta, è consigliabile provare il colore su una piccola parte della facciata al sole ed una in ombra ed osservare la casa da lontano per valutare l’impatto e il livello di gradimento.
  • Con i prodotti tradizionali è preferibile tinteggiare la facciata di casa nella stagione primaverile oppure in autunno. Nei restanti mesi dell’anno utilizzare prodotti specifici per applicazioni invernali o che meglio tollerano il calore estivo.
  • Per poter pitturare la facciata di casa, oltre alle autorizzazioni del comune, è necessario anche munirsi delle autorizzazioni condominiali. È possibile, infatti, che ci siano nel regolamento alcune limitazioni alla libera scelta da parte del proprietario di pitturare la facciata esterna.
Condividi! Share on LinkedInShare on Facebook

Richiedi informazioni

Privacy Policy | Note Legali | Termini e Condizioni – © 2015 Cromology Italia Spa – P.IVA 07684621001